Home|Contatti|Mappa|Storia

Piante epifite

Billbergia nutans

Alcuni esempi di specie epifite sono osservabili sotto il grosso esemplare di Yucca elephantipes situato di fronte al "deserto". Le piante epifite vivono su altri vegetali ma non li parassitano in quanto, essendo fornite di clorofilla, sono autonome da un punto di vista nutrizionale. Esse si ancorano all’ospite di solito per mezzo delle radici che non presentano funzione assorbente: l’assunzione dell’acqua e dei sali minerali avviene usualmente grazie a particolari peli presenti sulla superficie delle foglie.

Tali vegetali sono diffusi in special modo nelle foreste pluviali tropicali, la cui fitta vegetazione determina una forte competizione tra le piante; ciò ha spinto molte specie alla vita epifita per trovare spazio e luce.

Billbergia_nutans

Yucca elephantipesZona espositiva delle piante epifiteCryptocereus anthonyanusPlatycerium alcicorne

Tra le epifite coltivate in Orto, sono da ricordare Platycerium alcicorne, Cryptocereus anthonyanus e alcune specie del genere Tillandsia.

Tillandsia aeranthosTillandsia usneoidesTillandsia usneoidesPolypodium vulgare 

Argomenti correlati: L'aridità - L'epifitismo

Copyright © Orto Botanico di Napoli, Università degli Studi di Napoli Federico II